PSYCHOPOETRY/14 | Il mondo in maschera

ABORRO

[una poesia previdente, una poesia penitente, una poesia e niente]

IMG_1007
Aborro
l’induzione al bisogno
le multinazionali del disagio.
Aborro
il marketing del nulla
nel Nulla che avanza
e avanza
e t’induce al bisogno
del nuovo modello di ciocco merendina
del panno impermeabile pulisci macchie invisibili
del dopo-dopo-balsamo per i peli delle ciglia
dell’esaltatore di sapidità per gli zombie
che camminano nella ciotola del gatto
dei sogni da far nascere con l’utero in affitto

dell’attico ignifugo su Marte
dello yogurt rossoblu dell’Uomo Ragno
del leviga occhiaie gel multifunctional iperattivo
del dentifricio all’uranio impoverito
del divaricatore per allargare le dita dei piedi
del bambolo gonfiabile che ripete

non sei sola
non sei sola.

Non siamo soli.

Aborro
le luci al neon dei centri commerciali
la puzza emanata dal Girarrosto del pollo a terra

la terra bruciata dickensianamente desolata

ed io
in maschera antigas di pizzo e latex
induco me stessa al bisogno
di indurmi il più possibile al bisogno 
del non avere bisogni
(dell’avere invece sogni)
Induco me stessa all’umano

vicino di casa d’umano e suono
per un po’ di zucchero.

回來

[dell’avere invece sogni – inserito da Paolo Archetti Maestri, Yo Yo Mundi]

Valeria Bianchi Mian

[da Vit(amor)te. Poesie per arcani maggiori. Miraggi Edizioni, 2020]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...